Cicloturismo

Cicloturismo

cicloturismo

Il territorio modenese è ricco di opportunità per chi vuole viverlo utilizzando la bicicletta.

La sua variabilità morfologica, tra aree pianeggianti, zone collinari e di montagna lo rende adatto alle capacità e caratteristiche di tutti i ciclisti: da chi vuole pedalare tranquillamente in un ambiente di campagna senza dislivelli, a chi predilige cimentarsi in percorsi più impegnativi in mountain bike su e giù per le pendici e i crinali dell’Appennino, passando ovviamente da tutte le possibilità intermedie.  

Modena ha poi alcune peculiarità che ne fanno una delle province più interessanti per il cicloturismo. Sono infatti state realizzate piste ciclabili in sede propria asfaltata su alcuni tracciati di ex ferrovie come la Modena Vignola e la Modena Mirandola - Finale Emilia per complessivi 60 chilometri. Inoltre sono stati realizzati percorsi ciclopedonali lungo i principali corsi d'acqua (Panaro, Secchia e Tiepido) per complessivi 120 chilometri.

Questi percorsi, quasi tutti dotati di segnaletica, unitamente alla viabilità minore e ad altre piste ciclabili presenti, consentono di effettuare innumerevoli itinerari ad anello di lunghezza variabile, nei luoghi più interessanti e lontani dal traffico.

Tra questi si segnalano i circuiti del Romanico in bicicletta tra Modena (con il sito Unesco che comprende il Duomo, la Torre Ghirlandina Piazza Grande) e Carpi; Biciclette a Fiumi tra Modena e la bassa modenese utilizzando gli argini del Secchia e del Panaro e il circuito che sulla  pista ciclabile della ex ferrovia Modena - Vignola collega la via Emilia alla collina modenese attraversando le terre dell'aceto balsamico fino alla valle dei ciliegi e alle colline del Grasparossa.

La provincia di Modena è attraversata anche da Itinerari di lunga percorrenza tra cui EuroVelo 7 (Sun Route/Ciclopista del Sole) l'itinerario europeo che va dal polo Nord a Malta, attraversando da nord a sud, l'Europa e l'Italia. Su questo Percorso il territorio modenese si trova nel tratto Verona Firenze che presenta una variabilità e una ricchezza unica di paesaggi e di luoghi: dal punto di vista morfologico e paesaggistico (Prealpi, lago di Garda, colline moreniche, fiumi Adige, Mincio, Po, Secchia, Panaro, Arno,  pianura padana, colline e montagne dell’Appennino), dal punto di vista culturale e delle città d'arte e siti Unesco (Verona, Mantova, Modena e Firenze) senza dimenticare che permette di "conoscere" l'enogastronomia di quattro Regioni: Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana.