Manifestazioni e iniziative
Manifestazioni e iniziative
Visite guidate

Scoprire Modena e dintorni

Visite guidate a cura dell'Associazione guide Arianna

SABATO 22 APRILE ORE 10.00
2012-2017: LO STATO DELL’ARTE
CARPI, LA CATTEDRALE RITROVATA E LO “STATUS” DEL CENTRO STORICO MONUMENTALE
A quasi cinque anni dal sisma e dopo 1236 giorni di lavori, la Cattedrale di Carpi sabato 25 marzo ha riaperto solennemente, e la domenica seguente ha accolto la prestigiosa presenza del Papa. C’è voluto tutto il paziente lavoro delle maestranze specializzate e dei restauratori per riconsolidare la struttura che era gravemente compromessa e ricomporre i 580 frammenti degli affreschi che erano caduti ma, all’interno, ora splende di nuovo l’oro delle decorazioni, riaffiorano dal blu profondo i volti dei santi e la luce torna ad inondare le pareti, scendendo sino ai ritrovati bei paliotti d’altare in “scagliola carpigiana”. L’Ecclesia maior di Carpi risale ai primi del ‘500, quando Alberto III Pio, signore di Carpi e nipote di Pico della Mirandola, ne decise la costruzione con schema che riprendesse nientemeno quello della basilica di San Pietro in Vaticano. Sin dalla posa della prima pietra attorno al 1515, la storia dell’ambiziosa ‘sorellina’ della basilica vaticana non è stata per nulla facile, ed ha rischiato recentemente di arrestarsi definitivamente. La cattedrale è stata da poco restituita alla comunità e ci è ora possibile visitarne l’interno; così però non può ancora dirsi per il monumentale Tempio di San Nicolò, per la chiesa barocca di Sant’Ignazio e per altri luoghi di arte, storia e fede del centro storico di Carpi il cui “stato dell’arte” verificheremo di persona in occasione della nostra visita guidata.

Punto d’incontro: Piazzale Stazione Treni di Carpi
Durata: 1 ora e 30 minuti circa.


DOMENICA 30 APRILE ORE 15.30
PIAZZA GRANDE PRIMA DI WILIGELMO
Quest’anno ricorrono venti anni da quando, nel 1997, il Duomo, la Ghirlandina e Piazza Grande sono entrati far parte del patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO. Per ricordare questo avvenimento, vi proponiamo un percorso per conoscere la storia dell’area corrispondente all’odierna Piazza Grande da quando era ancora una necropoli fuori le mura della Modena romana, fino al momento della costruzione del Duomo di Lanfranco e Wiligelmo. Ripercorreremo le fasi evolutive di questo spazio nevralgico per la nostra città, scopriremo le tracce di un passato che pare perduto a causa delle trasformazioni storiche intercorse in più di due millenni; sarà un viaggio a ritroso nel tempo in cui ritroveremo le testimonianze di antiche presenze credute scomparse: la vera sede della Via Emilia, le lastre dei sepolcreti di Mutina, un pezzo del suo anfiteatro, gli stadi altomedievali della nostra Cattedrale.

Punto d’incontro: Piazza Grande, sotto il portico del Comune, presso la Preda Ringadora. Durata: 1 ora circa


SABATO 6 MAGGIO ORE 15.30
LA CHIESA DI GESU’ REDENTORE
Visita al complesso parrocchiale di Gesù Redentore, progettato dall'architetto Mauro Galantino, vincitore del concorso nazionale indetto nell'anno 2000 dalla Conferenza episcopale italiana per qualificare l'architettura religiosa. Il progetto di Galantino ha dato vita ad una struttura moderna e innovativa, grazie a semplici ma sapienti linee costruttive e ad un interessante gioco di luci, volumi e livelli, esempio concreto dell'espressione minimalista dell'architettura italiana contemporanea. Il complesso di Gesù Redentore saprà sicuramente sorprendere, emozionare e catturare il visitatore.

Punto d’incontro: Sagrato della Chiesa, via Leonardo Da Vinci 270. Durata: 1 ora e 30 minuti circa


SABATO 27 MAGGIO ORE 15.30
I PORTICI DI MODENA
Davvero impensabile, una Modena senza i suoi portici… Presenti in alcune città sin dall’antichità, i portici hanno in genere avuto scopo di pubblica utilità, ed in passato si distinguevano secondo le funzioni cui erano adibiti. Il portico è spesso una soluzione architettonica elegantissima, è a volte una vera e propria opera d’arte in sé, è sempre e comunque un elemento che restituisce alla città ed al suo centro una sua tipica dimensione, intima e raccolta. Il percorso della visita guidata riguarda naturalmente i portici più frequentati e prestigiosi di Modena come ad esempio il Portico del Collegio ed il Portico di Piazza Grande; sarà però anche interessante individuare assieme alcuni portici particolari per fattura, per storia o per piccole sorprese custodite al riparo delle volte, o ricordare portici che sono stati “familiari” per nostri concittadini di qualche secolo fa, ora del tutto scomparsi.

Punto d’incontro: Piazza Roma, sotto il portico
Durata: 1 ora e 30 minuti circa
Dal 30/04/2017
Al 30/04/2017
Dove
ASSOCIAZIONE CULTURALE ARIANNA Guide e Accompagnatori Turistici Stradello S. Marone, 15
Modena (MO)
Orario

vedi programma

Costo Quota di partecipazione per ogni appuntamento: € 5,00 a persona + biglietto d’ingresso dove richiesto: Il Museo dell’Auto e Moto d’Epoca Umberto Panini presso l’azienda agricola “Hombre”: € 5,00.
Per informazioni
Tel: 334/8518717
http://www.ariannaguide.altervista.org
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal
archiviato sotto: