Cattedrale - Duomo di Modena

Cattedrale - Duomo di Modena

corso Duomo - Modena - MO - 41121

Telefono: 059/216078

URL: http://www.duomodimodena.it/

Orario:

Il Duomo è aperto con orario continuato da martedì a domenica dalle 7.00 alle 19.00; il lunedi dalle 7.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00. Durante le celebrazioni non sono consentite le visite.

Proprietà: Basilica  Metropolitana di Modena


Il Duomo di Modena è il simbolo della vita di fede e di culto della comunità cristiana modenese.
Venne realizzato come "domus Clari Geminiani", casa di San Geminiano, Patrono di Modena (312-397).

Il 9 giugno 1099, data importantissima per la città di Modena, venne posata la prima pietra del Duomo, splendido esempio di arte romanica che stupì i contemporanei, e che continua tuttora a sorprendere per la sua straordinaria bellezza e originalità. Una cronaca contemporanea, la Relatio de innovatione ecclesiae Sancti Geminiani, ci informa che la scelta dell’architetto avvenne per miracolosa ispirazione divina: il clero e la cittadinanza modenesi affidarono l’incarico di progettare la Cattedrale a Lanfranco, il quale diede vita a un’architettura nuova e ardita, che costituì un modello per l’arte romanica fiorita dopo di lui. Per il rivestimento lapideo dell’edificio fu utilizzato materiale di reimpiego proveniente da Mutina romana, come dimostrano le indagini scientifiche effettuate durante la campagna di restauro iniziata nel 2006.

La traslazione solenne delle spoglie di San Geminiano avvenne il 30 aprile 1106, alla presenza del Papa Pasquale II, della Grancontessa Matilde di Canossa, dell'architetto Lanfranco, di ecclesiastici e di una grande folla. Il Duomo venne consacrato da Papa Lucio III il 12 luglio 1184.

Sulla struttura ideata da Lanfranco, una basilica suddivisa in tre navate da un’alternanza di colonne e pilastri con presbiterio sopraelevato sulla cripta, si innestò, in uno straordinario rapporto di armonia, la scultura di Wiligelmo. A lui e ad altri scultori attivi agli inizi del XII secolo si deve la splendida decorazione che popola di motivi vegetali o di esseri fantastici ogni capitello della loggia e delle semicolonne e ogni mensola dei sottostanti archetti, motivi architettonici che come un ritmico contrappunto scandiscono l’intero perimetro del Duomo.

All’officina di Wiligelmo si devono il Portale Maggiore e anche la maggior parte delle sculture collocate sulla facciata, raffigurazioni sacre e profane, celestiali e mostruose: riassumono l’intero mondo spirituale dell’uomo medievale, la fede, le speranze, i timori, le certezze e i dubbi. Rimane ineguagliata, dopo nove secoli, la toccante espressività dei Rilievi della Genesi, scolpiti da Wiligelmo su grandi lastre di pietra, anch’esse di reimpiego. Le vicende di Adamo ed Eva, di Caino e Abele, dell’arca di Noè conservano ancora oggi, intatte, una forte intensità, una inusuale carica espressiva e una straordinaria capacità narrativa.

Ai primi due decenni del XII secolo risalgono anche i rilievi che ornano le altre due porte aperte da Lanfranco nel Duomo. La Porta dei Principi, affacciata su Piazza Grande, accoglie i fedeli narrando loro la storia del patrono san Geminiano, trascritta per immagini e trasformata in racconto, con figure di una qualità del tutto singolare.

Sul lato settentrionale, nei pressi della torre Ghirlandina, si apre la Porta della Pescheria, originale per la concreta umanità dei due telamoni che dialogano con chi varca la soglia, chiedendo aiuto per sostenere l’enorme peso che li opprime. All’uomo e al suo lavoro sono dedicate le sculture degli stipiti interni di questa porta, su cui sono effigiati, sotto spoglie umane, i dodici Mesi intenti ai lavori della campagna. Alla sfera del fantastico e del racconto fanno piuttosto riferimento sia l’insolito archivolto, in cui è scolpita la vicenda di Re Artù di Bretagna, sia gli stipiti e l’architrave, dove animali protagonisti delle antiche fiabe di Fedro e al Roman de Rénard emergono tra intricati grovigli vegetali.

Uno sguardo particolare va rivolto alle Metope, rilievi posti sui salienti del tetto, che mostrano un vivace repertorio di esseri fantastici e mostruosi: sul Duomo troviamo in realtà delle copie, poiché gli originali sono stati trasferiti nel al Museo Lapidario del Duomo, per problemi conservativi. 

A maestri padani attivi poco prima dell’arrivo dei Campionesi, cioè intorno al 1170 – 80, e che mostrano di conoscere la scultura del Battistero di Parma, si devono anche l’ambone e il pontile che, all’interno della Cattedrale, precedono l’ingresso alla cripta.

Dagli ultimi decenni del XII secolo circa fino ai primi del XIV, furono attivi nel cantiere del Duomo e della Ghirlandina i Maestri Campionesi, maestranze provenienti da Campione, sul lago di Lugano, organizzate come vere e proprie botteghe famigliari. Dobbiamo a loro l’apertura del grande rosone e delle due porte laterali nella facciata e della magnifica Porta Regia su Piazza Grande, che con il gioco cromatico dei suoi preziosi marmi rosati spicca sulla candida parete del Duomo e anche la creazione del falso transetto che si inserisce sull’originaria struttura basilicale progettata da Lanfranco.

L'INTERNO DELLA CATTEDRALE:

Nella navata centrale, all'interno, Enrico da Campione realizzò il pulpito nel 1322. 

Nella cripta è custodito il sepolcro di San Geminiano, patrono di Modena, e si conserva un capolavoro del Rinascimento modenese, La Madonna della pappa, gruppo in terracotta policroma di Guido Mazzoni (1480 – 1485 ca).

All’interno del Duomo si conservano altre opere importanti, soprattutto dei secoli XV e XVI, l’Altare delle Statuine di Michele da Firenze (1442 ca), il Coro intarsiato dei Lendinara (1465), la Cappella Bellincini (1475 ca), la Tavola di San Sebastiano di Dosso Dossi (1518 – 1522) e il Presepio di Antonio Begarelli (1527).

La Cattedrale, insieme alla torre Ghirlandina e a Piazza Grande, dal 1997 fa parte della Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità tutelata dall’UNESCO.

 

Visita virtuale

All’indirizzo web www.unesco.modena.it è possibile navigare nella visita virtuale al Sito Unesco di Modena che consente di muoversi liberamente all’esterno e all’interno dei monumenti Patrimonio dell’Umanità, avvicinandosi alle sculture e alle opere, consultando delle schede di approfondimento.
Grazie a questo strumento è possibile l’accesso virtuale anche alle parti degli edifici normalmente non visitabili, come, la cella campanaria e la guglia della Ghirlandina.

 

Audioguide

40 audioguide in lingua italiana, inglese, francese, tedesco e spagnolo che illustrano Duomo, Ghirlandina e Piazza Grande, oltre alle sale storiche del Palazzo Comunale e i Musei del Duomo, si possono noleggiare, corredate di un pieghevole illustrativo con piantine dei monumenti, ai Musei del Duomo e all'Ufficio Informazioni Turistiche al prezzo di Euro 4,00 (due audioguide al prezzo speciale di Euro 6,00).

Absidi del Duomo di Modena Volte della navata centrale Navata Centrale Duomo di Modena