Monumenti alla memoria

Monumento a Enzo Ferrari

parco Enzo Ferrari, viale Italia angolo via Emilia Ovest - Modena - MO

Monumento a Enzo Ferrari

Nel 1998 Modena festeggiò i cento anni dalla nascita di Enzo Ferrari, fondatore della celebre casa automobilistica che porta il suo nome. Fra le tante iniziative organizzate per l'avvenimento, ci fu anche la realizzazione di un monumento celebrativo del Drake, voluto dal figlio Piero Landi Ferrari e donato da questi alla municipalità di Modena. L'opera venne commissionata a Marino Quartieri, scultore modenese molto stimato da Enzo Ferrari, su incarico del quale aveva realizzato anni prima alcune opere per la tomba di famiglia al cimitero di San Cataldo.
Il monumento venne collocato in una'aiuola di Largo Garibaldi, di fronte alla casa dove Ferrari abitò per gran parte della sua vita, e fu solennemente inaugurato il 18 febbraio, data della sua nascita. Nel 2005 l'opera venne spostata e trovò nuova e definitiva collocazione all'interno del parco Ferrari in angolo tra via Emilia e viale Italia. Una copia del monumento fu inaugurata nel 1998 di fianco al Municipio di Maranello.

Il monumento si trova al centro di una piazzetta contornata da cespugli, alberi, aiuole e panchine, situata nell'angolo nord est del parco Ferrari, ben visibile da chi percorre via Emilia o viale Italia, due arterie cittadine molto frequentate. Collocata su un piedistallo di granito alto quasi due metri, la scultura è una sorta di "colonna traiana" in bronzo alta circa 5 metri, di due metri di diamentro e del peso di sessanta quintali. Una lunga fascia gira attorno alla "colonna" in un movimento ascendente. Reca raffigurate, a tutto tondo e a rilievo, le scene e gli episodi più significativi della lunga vita e della gloriosa carriera di Enzo Ferrari, le persone a lui care, i suoi collaboratori, i meccanici, le gare. le vittorie, le automonili, tutta l'epopea del Drake e della mitica casa automobilistica da lui fondata. Al culmine di questo percorso a spirale campeggiano la figura di Ferrari, il Cavallino rampante e l'ala della vittoria. I soli personaggi riconoscibili, oltre a Ferrari, ai suoi figli Dino e Piero e al nipote Enzino, sono il pilota Nuvolari e Sergio Pininfarina, il grande designer dei modelli più celebri delle vetture granturismo. Le altre figure non hanno identità ben precisa: sono piloti e tecnici, colti in azioni dinamiche con le automobili che hanno fatto la storia del Cavallino.

Testo tratto dal volume "Aperto anche il lunedì", AaVv, Edizioni Elis Colombini, 2010.