Itinerari storici, culturali

Il rinascimento nella provincia di Modena

Modena - MO

Un percorso di grande fascino tra le testimonianze del Rinascimento ci viene offerto da molte località nei dintorni di Modena .
Scrigno dell'arte cinquecentesca è in primis la cittadina di Carpi ( 25 Km da
Modena.): l'ultimo dei signori Pio a Carpi, Alberto III (1475-1531), principe umanista e straordinario intellettuale, volle trasformare il borgo in una sede principesca del Rinascimento.
I "luoghi di rappresentanza" della città (la piazza, il palazzo, la collegiata) vennero o fondati ex novo o risistemati e furono inoltre apportati numerosi interventi di miglioramento alla struttura urbana .
Il palazzo dei Pio , al cui interno si trovano numerose sale affrescate agli inizi del cinquecento, assume l'aspetto di una vera e propria corte, con la costruzione del cortile d'onore e della facciata e le decorazioni interne.
La rinascimentale Piazza Martiri (276 metri per 60), di grande impatto prospettico e scenografico, nasce come cuore politico, religioso e amministrativo della città.
La costruzione della nuova Collegiata, dedicata alla Madonna Assunta, fu iniziata nel 1515 e pare che per la sua realizzazione sia pervenuto da Roma un modello di legno, forse di Peruzzi, impostato sull'esempio classicheggiante che Raffaello aveva ideato per San Pietro.
Completano il percorso la Chiesa di San Nicolò e la Pieve di Santa Maria in Castello detta "La Sagra"
Un ramo dei Pio di Carpi, divenuti signori di Sassuolo (17 Km da Modena) nel 1499 diede avvio alla ristrutturazione della già sontuosa residenza famigliare.
All'interno del Palazzo si trovano affreschi databili tra fine XV e fine XVI secolo.


Su incarico di Francesco I d'Este il Castello dei Pio a Sassuolo fu trasformato nel 1634 nella residenza estiva della famiglia Estense.
Il rinnovato Palazzo Ducale fu impreziosito da affreschi di artisti d'eccellenza quali il Boulanger e da opere di squisito gusto barocco come la Peschiera o Teatro delle Fontane.


A pochi chilometri da Sassuolo si trova anche il Castello di Spezzano, nel Comune di Fiorano Modenese (20 Km da Modena), centro fortificato e residenza dei Da Spezzano, nel XII secolo, e dei Da Castello nel XIV.
Divenne feudo dei Pio nel 1535, e da allora fu una delle sedi più importanti della loro Signoria fino alla fine del 1500.
Vi si possono ammirare affreschi riferibili alla seconda metà del Cinquecento, in particolare nella Sale delle Vedute e Galleria delle Battaglie.

Da Fiorano modenese, percorrendo la strada di ritorno verso Modena, si incontra in località Baggiovara la Torre (proprietà privata), una tipica casa-torre della campagna modenese che presenta al suo interno un ciclo di affreschi, riferibili ad un anonimo artista della seconda metà cinquecento, ispirati all'Ariosto e in particolare al ciclo affrescato da Nicolò dell'Abate a Bologna per Palazzo Torfanini.

Data dell'ultimo aggiornamento: 11/04/2016