Personaggi, storia, tradizioni

Dorando Pietri - maratoneta (1885 - 1942)

Carpi - MO - 41012

(Correggio 1885 - San Remo 1942)


Dorando Pietri nacque a Mandrio, frazione di Correggio, il 16 ottobre 1885. Il 22 ottobre 1897, il padre si trasferì con la famiglia a Carpi, aprendo un negozio di frutta e verdura. A 14 anni, Dorando entrò come garzone ed apprendista in una pasticceria. Nel 1903 si iscrisse alla società sportiva Ginnastica La Patria. Leggendario il primo contatto agonistico: affacciato sulla soglia del negozio, Dorando vide impegnato in una prova solitaria di corsa Pericle Pagliani, campione e primatista italiano sulle lunghe distanze. Dorando si arrotolò alla cintola il grembiule e seguì come un'ombra, fino al traguardo, il campione.

Qualche giorno dopo, in ottobre, a Bologna, l'esordio ufficiale: secondo dietro Aduo Fava in una gara di tre chilometri. Da quella data Dorando effettuò in Italia ed all'estero un numero imponente di gare sulle lunghe distanze, affermandosi tra l'altro in varie occasioni a Roma, Milano, Torino, Parigi, Chicago, New York, San Francisco, San Paolo, Buenos Aires, Philadelphia, Saint Louis, Toronto, Buffalo, Vancouver, Pittsburgh, Indianapolis.

Unito in matrimonio nel 1909 con Teresa Dondi, carpigiana, trasferitosi a Sanremo, dove attivò un'agenzia di noleggio vetture, il 26 novembre 1923, Dorando morì nella località ligure, dove è sepolto, il 7 febbraio 1942.
Dorando Pietri fu, in assoluto, un campione d'eccezionale livello.
Quanto accadde il 24 luglio 1908 ai Giochi olimpici di Londra lo sfortunato epilogo della MARATONA di cui fu indiscusso protagonista, le cadute negli ultimi metri della gara, lo scalpore suscitato dalla sua squalifica, l'intervento generoso, appassionato, fuori da ogni schema protocollare, della REGINA ALESSANDRA, che attivò nella notte i gioiellieri di corte premiando personalmente l'atleta italiano con una coppa gelosamente custodita in una cassa di sicurezza della Cassa di Risparmio di Carpi, l'articolo a difesa dell'atleta apparso sul Daily Mail per la firma autorevole di ARTHUR CONAN DOYLE, tutto ciò ha reso immortale, nel mondo, la figura di Dorando.

Per iniziativa del Comitato organizzatore della MARATONA D'ITALIA, è stato creato un Comitato Dorando Pietri che ha curato la realizzazione nel 2008 delle Celebrazioni per il Centenario.