Nonantola - La pieve di San Michele Arcangelo

A poca distanza dall’Abbazia sorge la Pieve dedicata a San Michele Arcangelo. L’edificio - fondato dall’Abate Teodorico tra l’870 e l’887 e destinato, tra l’altro, ad ospitarne le spoglie - aveva in origine proporzioni abbastanza modeste. Il fabbricato - ricostruito integralmente tra l’XI e il XII secolo con dimensioni molto maggiori - fu elevato alla dignità di Pieve nel 1011 dal Papa Sergio IV.

La facciata tripartita, oggi ornata da cornici marcapiano e da un bel timpano, presenta forme barocche. La parte più interessante dell’esterno è costituita dalle absidi, la maggiore e la minore di sinistra sono originali dell’XI secolo. L’interno si presenta diviso in tre navate, la copertura con volte a vela, ad eccezione del presbiterio, in cui sono state ripristinate le capriate tipiche del romanico e in cui si può ammirare parte della struttura basilicale antica con colonne di grande eleganza.

La sala degli affreschi
A Nonantola, al piano terra del Palazzo del Comune, ex refettorio del Monastero Benedettino, si trovano anche assai importanti testimonianze pittoriche: un ciclo di affreschi di epoca medievale tra i più rilevanti che fornisce preziose conoscenze sull’arte figurativa del periodo romanico. Nonostante si presentino frammentari, nella parete sud è possibile osservare tre interessanti monofore decorate, una scena con edifici di una città turrita cinta da mura merlate, infine, la scena meglio conservata di tutto il ciclo che mostraSan Paolo condotto da Barnaba verso San Pietro ed un altro apostolo, forse San Giacomo. L’entrata della Sala degli Affreschi, ex refettorio del monastero, si affaccia direttamente sul giardino comunale Perla Verde che ospita, in seguito ad un recente allestimento del 2007, i cippi confinari del territorio di Nonantola.

ComuneNonantola - 41015 (MO)

vai alla mappa

In caricamento...