FIGLIE DEL FUOCO

FIGLIE DEL FUOCO

Le artiste modenesi Enrica Berselli, Alice Padovani e Federica Poletti, artiste di riferimento del panorama artistico contemporaneo, saranno protagoniste della mostra "Figlie del fuoco", a cura di Barbara Codogno.
Il titolo della mostra - "Figlie del fuoco" - fa riferimento all'opera che sigilla la breve esistenza terrena dello scrittore romantico Gérard de Nerval, il primo ad eleggere il sogno a ponte tra la realtà e il soprannaturale (übernatürlich).
Il percorso espositivo, sviluppato negli spazi dell'Ex Chiesa e della Sala delle Monache, in cui sono stati riportati alla luce dipinti e decori del Seicento, comprende una teoria di sculture in cera di Enrica Berselli, che ricostruiscono il corpo a partire dalle sue reliquie, tre grandi opere a tecnica mista su carta di Alice Padovani, i cui fondali scuri sono solcati da segni brulicanti, infine i dipinti di Federica Poletti in cui il non detto affiora nonostante il suo mascheramento. Il titolo di uno degli oli in mostra - "Attrito" - è stato donato a Poletti da Massimo Recalcati, in omaggio allo iato dell'essere, alla frizione dell'esistere.
La mostra è inoltre sigillata da un'opera corale - "Figlie del Fuoco" - realizzata congiuntamente dalle tre autrici in omaggio alle silhouette femminili dell'artista cubana Ana Mendieta. L'installazione si compone delle sagome delle tre artiste, tracciate con il carbone in linea con le rispettive ricerche, e da alcuni ulteriori lavori posti all'interno delle silhouette come braci residuali.