Dolore sotto chiave / Sik Sik l'artefice magico

Dolore sotto chiave / Sik Sik l'artefice magico

Marche Teatro, Teatro di Roma, Elledieffe

Un dittico per la regia di Carlo Cecchi che riunisce due atti unici di Eduardo De Filippo per sorridere oggi delle piccole grandi tragedie umane che ci accomunano

Dolore sotto chiave
Lo spettacolo porta in scena la bizzarra vicenda di Lucia che nasconde al fratello Rocco la morte della moglie Elena per timore che possa compiere un atto inconsulto.

Per lunghi mesi Lucia finge di occuparsi delle cure della donna gravemente malata, ma quando Rocco in una crisi di rabbia entra a forza nella stanza della malata e la scopre vuota, non rimane a Lucia che rivelare l’amara verità.

In Dolore sotto chiave il grande Eduardo De Filippo ci invita ad affrontare con comicità il tema della morte declinato, qui come in molte altre sue opere, in chiave semiseria ma con immancabile garbo e intelligenza.

SIK-SIK L’artefice magico
Sik-Sik è un illusionista maldestro e squattrinato che si esibisce in teatri di infimo ordine insieme alla spalla Nicola.

Una sera Nicola non si presenta per tempo e Sik-Sik decide di sostituirlo con un avventore capitato per caso a teatro.

Poco prima dell’inizio del numero di magia arriva però Nicola e i numeri di prestigio finiscono in un disastro e l’esibizione si rivelerà tragica per il finto mago, ma di esilarante comicità per il pubblico

“Come in un film di Chaplin – afferma Carlo Cecchi – il testo è immediato, comprensibile e nello stesso tempo raffinatissimo. L’uso che Eduardo fa del napoletano e il rapporto tra il napoletano e l’italiano trova qui l’equilibrio di una forma perfetta, quella, appunto, di un capolavoro.”

di: Eduardo De Filippo

con: Carlo Cecchi, Angelica Ippolito, Vincenzo Ferrera, Dario Iubatti, Remo Stella, Marco Trotta

regia: Carlo Cecchi

Clicca QUI per consultare il programma completo di ERT, Emilia Romagna Teatro