Il filo di mezzogiorno

Il filo di mezzogiorno

Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Catania, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, Teatro di Roma – Teatro Nazionale

Un viaggio nel labirinto della mentre, un’esplorazione nell’unico luogo dove è possibile recuperare la memoria, la propria identità, la vita.

Mario Martone, regista cinematografico, teatrale e sceneggiatore, ci invita a entrare nel mondo di Goliarda Sapienza – scrittrice del grande successo postumo L’arte della gioia. Donna fuori da tutti gli schemi e dalle ideologie politiche del suo tempo, ha combattuto le sue battaglie prima da partigiana, poi da femminista, sempre controcorrente, sempre contro il conformismo e con tutti i mezzi che aveva a disposizione, primo fra tutti la scrittura.

Il suo romanzo Il filo di mezzogiorno (1969), riadattato in questo allestimento da Ippolita di Majo per Donatella Finocchiaro, ripercorre con lucidità e una straordinaria quantità di particolari il suo percorso psicanalitico dopo il periodo di depressione, il ricovero in manicomio e i ripetuti elettroshock.

Goliarda insegue la sua memoria, insegue i ricordi, le sensazioni, le libere associazioni, lo psicoanalista la guida, la accompagna, la segue, e riuscirà a condurre la scrittrice dalle tenebre alla luce della coscienza e al recupero della propria identità.

di: Goliarda Sapienza

adattamento: Ippolita di Majo

regia: Mario Martone

Clicca QUI per consultare il programma completo di ERT, Emilia Romagna Teatro