Palazzo Foresti

Palazzo Foresti

Pietro Foresti incaricò nel 1892 l'architetto-ingegnere Achille Sammarini (1827-1899) di adattare, in parte demolendolo, il vecchio fabbricato delle industrie di famiglia di paglie e cappelli in truciolo. La facciata, a un piano, è in mattoni stuccati e levigati. Da notare i due grandi finestroni caratterizzati da bifore su terrazze abbellite da terrecotte di stile rinascimentale. Nel cortile del palazzo è posta una bifora gotica originale del Quattrocento veneziano, recuperata da un'antica casa nobiliare cittadina demolita. Un maestoso scalone neobarocco, a fianco di un ninfeo dipinto, introduce alle sale del piano nobile decorate dagli artisti modenesi Lelio Rossi (1844-1907), Fermo Forti (1839-1911), Andrea Becchi (1849-1926) e Carlo Grossi (1857-1931).

SALE
Saletta dei pittori modenesi - 20 posti a sedere
Sala del Graziosi - 30 posti a sedere
Sala del Muzzioli - 50 posti a sedere
Galleria - 80 posti a sedere

SERVIZI OFFERTI ED ATTREZZATURE

Su richiesta si noleggia attrezzatura di supporto per meeting ed incontri.

Sono messi a disposzione le utenze necessarie per eventuale servizio catering


La tua opinione su visitmodena.it è importante per noi.

Clicca qui e partecipa al sondaggio!