Piano terra. Lapidario Romano, Museo Lapidario Estense e Gipsoteca Giuseppe Graziosi

Entrando nel grande atrio, dal portone d’ingresso affacciato su via Emilia, sarai già immerso nelle antiche atmosfere del Lapidario Romano che espone i bei monumenti funerari delle necropoli della città di Mutina, tra cui spicca l’Ara di Vetilia Egloge.

Sempre qui, potrai anche ammirare i reperti di età romana oltre che le memorie ed arche sepolcrali del Museo Lapidario Estense, una raccolta incredibile fortemente voluta dal Duca Francesco IV d'Este per celebrare l’illustre passato della città. Trascorri qualche momento passeggiando tra gli imponenti sarcofagi e le bianche lapidi, testimoni silenziosi di epoche lontane, che ti faranno fare un tuffo in un tempo antico e memorabile.

In un lato del porticato, si trova poi la Gipsoteca Graziosi che mette in mostra bozzetti in terracotta, gessi originali e copie, disegni, acqueforti, acquetinte e litografie del grande artista modenese Giuseppe Graziosi (1879 – 1942).

Prima di proseguire ai piani superiori, se ne avrai voglia, potrai fare una breve sosta ristoratrice presso la moderna caffetteria situata a fianco del Punto Informazioni, i cui tavolini esterni ti daranno modo di rilassarti per qualche minuto tra i bellissimi reparti storici, in un’ambientazione speciale, che trasuda antichità.